Aspettando la primavera.

02/03/2016

Esiste uno strumento musicale molto speciale che ha il suono lieve e delicato dell'acqua, di un ruscello che scorre, del tintinnio della pioggia che scende lenta.

Il bastone della pioggia.

É uno strumento che potete realizzare insieme ai vostri bambini partendo da materiali di recupero e poco altro, arricchendolo e personalizzandolo seguendo la fantasia.

 

Vi racconto un po' della sua storia e...perché no? potrebbe trasformarsi in una splendida fiaba da raccontare ai bambini prima di iniziare...

 

LA STORIA

Il bastone della pioggia è uno strumento con origini antichissime, diffuso in America centro-meridionale ma anche in Africa e Oceania; era originariamente legato ai riti propiziatori del raccolto e della pioggia.

Ha forma di tubo ed è vuoto all'interno. Lo strumento originale veniva, e viene tuttora,  costruito partendo da legno, bambù, da una zucca o dal tronco di un particolare e specifico cactus.

Viene riempito con polvere di conchiglie, semi, ciottoli, sabbia. Prima di riempirlo vengono inseriti segmenti di canna, dei chiodini o le spine del cactus, creando internamente una spirale che rallenti la caduta del materiale mentre rotola da una parte all'altra.

Il contenuto scorre lungo la spirale interna producendo un suono simile a quello dell'acqua o della pioggia.

 

MATERIALI

 Per prima cosa: di cosa abbiamo bisogno?

 

-Tubo di cartone ( ottimo, se lo avete, uno di quei tubi porta documenti, in alternativa va benissimo il tubo dello scottex o quello della pellicola/alluminio)

-Chiodi o fermacampioni lunghi (dovranno essere lunghi poco più della metà del diametro del vostro tubo)

-Sassolini, piccole conchiglie, semini, riso, legumi...

-Colla vinilica e un quotidiano

-Colori a tempera e pennelli o spugne

-Un cartoncino bianco formato A4; nastro adesivo marrone

 

COME PROCEDERE

E adesso eccovi pronti per creare con i vostri cuccioli!

Trovato un piano di appoggio comodo potete ricoprirlo con fogli di giornale così da potervi muovere liberamente senza timore di sporcare o rovinare la superficie.

Insieme al vostro bambino/a prendete tutti i materiali dei quali avrete bisogno per dare vita alla vostra creazione e disponeteli sul tavolo.

A questo punto potete fermarvi ad osservare il vostro tubo, protagonista di quello che diventerà il vostro strumento.

Guardatelo, come immaginate che diventerà una volta finito? Pensate insieme come vorreste farlo diventare, quali colori potrebbe avere... chiudete gli occhi e immaginate il suono che farà quando si trasformerà in uno strumento musicale, chiedete al vostro bimbo di descrivere  come immagina potrebbe essere e poi voi fate lo stesso.

Prendersi il tempo per avvicinarsi ai materiali con i quali andremo a creare è importante perché da la possibilità ai vostri bambini, ma anche a noi adulti, di dare un valore diverso a quell'oggetto comunemente usato per altri scopi, dandoci la possibilità di immaginare, di dare spazio alla fantasia, di avvicinarci a piccoli passi alla creatività.

Quando sarete pronti prendete i vostri chiodini o fermacampioni e piano piano, insieme, inseriteli uno ad uno dentro la superficie del tubo seguendo un andamento a spirale (solitamente questi tubi di cartone hanno una traccia a spirale sulla superficie esterna).

Per aiutarvi ad inserirli, soprattutto per i bambini, potete utilizzare un batticarne, sicuramente più adatto ai più piccoli rispetto a un martello.

I chiodi inseriti dovranno essere tanti, non troppo distanti l'uno dall'altro. Le foto che vi mostro possono aiutarvi a capire quale dovrebbe essere il risultato finale, sia all'interno del tubo che all'esterno.

 

 

Conclusa questa operazione siete già a metà dell'opera!

A questo punto prendete il vostro cartoncino, ricavatene due dischetti e con uno di essi chiudete un'estremità servendovi del nastro adesivo.

Ora potete inserire all'interno quello che preferite: semini, riso, legumi... tutto ciò che vi viene in mente, ricordando che ognuno di essi produrrà un suono differente.

Vi consiglio di fare alcune prove prima di scegliere la quantità da inserire all'interno: inizialmente inseritene pochi, chiudete l'altra estremità con il palmo della mano e scuotendolo ascoltate il suono che produce poi ascoltate come si trasforma aggiungendone ancora. Che emozione riscoprire questa melodia!

Pensate insieme qual è il suono che più vi piace e quando avrete deciso chiudete definitivamente l'altra estremità con il secondo dischetto.

Adesso potete ricoprire interamente il vostro tubo con pezzi di quotidiano e colla vinilica diluita con acqua.

Conclusa questa operazione prendetevi una pausa con i vostri piccoli in attesa che il giornale si asciughi completamente (potete metterlo vicino ad un calorifero per accelerare i tempi). Ci vorrà un po', abbiate pazienza! In questo modo però, il vostro strumento diverrà perfettamente resistente e la superficie sarà pronta per essere decorata.

In attesa che si asciughi potete preparare i colori. Prendete le tempere, un piattino o delle ciotoline, e preparate i colori dei quali pensate di avere bisogno (ci sarà sempre tempo per farne altri!)  aggiungendo ad ognuno di essi un po' di colla vinilica. Questo vi permetterà di ottenere un colore molto simile a quello acrilico, ideale per questa superficie.

A questo punto potete pensare a come dipingere il vostro strumento musicale. Spazio alla fantasia: pensate a forme, colori, figure... tutto ciò che vi viene in mente può prendere vita grazie ai colori. Giocate liberamente, divertitevi a creare, viaggiate con la fantasia.

 

Quando pensate di avere concluso appoggiate in verticale il vostro bastone della pioggia sopra un foglio di giornale e lasciate che il colore asciughi completamente.

...ed ecco pronto il vostro meraviglioso strumento musicale!

Adesso potete divertirvi a giocare con questo nuovo strumento, ascoltando la sua particolare melodia: suonatelo insieme scuotendolo e ruotandolo mentre lo ribaltate da una parte all'altra.

 

 

Questo strumento musicale ci da modo di comprendere come anche le giornate grigIe di pioggia che spesso ci sembrano tristi e magari non ci piacciono, in fondo possono racchiudere il suono di una melodia dolce e rilassante.

 

...Aspettando la primavera insieme ai vostri bambini, in queste giornate ancora fredde e grige, chiudete gli occhi e prendetevi il tempo per  ascoltare la pioggia che scende.

 

 

 

 

 

Jennifer Benigni

Arteterapeuta- Scultrice

jennybenigni@gmail.com

 

Please reload

Please reload

Il Club delle Mamme

viale R.Serra 16 20148 Milano

mariangela@h2bizness.it

 

Tel: 02 49543090

Cell: 391 3664892

2014 by Mango Promotion

Informativa sulla privacy - Cookie policy