Fumo e gravidanza... quali sono i rischi per il nascituro?

 

Se smetti di fumare proteggi il tuo bambino dai rischi di un parto prematuro e dai rischi della morte fetale o della morte in culla oltre che da problemi a polmoni, danni alle cellule e ritardo nella crescita. Se smetti di fumare proteggi il tuo bambino… ... dal cancro. Se i genitori fumano contribuiscono ad aumentare il rischio per i loro figli di ammalarsi di cancro.

Particolarmente frequenti sono i tumori del naso. I figli di madri che hanno fumato in gravidanza sono esposti anche a un rischio elevato di cancro alla vescica e ai reni. La frequenza con cui i figli di genitori fumatori sono colpiti da tumori maligni è stata oggetto di uno studio del Centro tedesco di ricerca sul cancro. I ricercatori hanno valutato i dati del registro svedese del cancro, che raccoglie tutti i casi di cancro verificatisi nelle famiglie svedesi nel corso di generazioni. I risultati sono allarmanti: se la madre fuma il rischio di ammalarsi di cancro alle vie respiratorie o alla vescica è una volta e mezzo più alto; per il cancro del naso il rischio è quasi quattro volte superiore, per il cancro ai polmoni 1,7 volte. Vescica e reni risultano particolarmente esposti alle sostanze cancerogene nella fase della crescita, mentre l’aumentato rischio di cancro al naso viene attribuito dai ricercatori al fumo passivo respirato durante l’infanzia.

Il fumo danneggia più il nascituro che l'adulto Gli scienziati hanno inoltre individuato nella comparsa del cancro ai polmoni un indicatore indiretto del consumo di tabacco dei genitori e hanno studiato i figli di circa 18.000 madri e 42.000 padri colpiti da questa patologia, scoprendo così che essi erano stati registrati in quanto affetti da circa 174.00 diverse forme di cancro, sviluppate entro i 70 anni. I figli dei padri fumatori in questo studio sono stati esaminati separatamente ed è stato scoperto che, se i padri sono colpiti da cancro al polmone, i figli sono maggiormente a rischio per il cancro al naso e altre forme di cancro, ma non per il cancro alla vescica e ai reni. Attraverso il confronto con le percentuali di malattie oncologiche sviluppate dai figli di genitori non fumatori, i ricercatori hanno potuto calcolare i rischi non imputabili al vizio del fumo delle persone colpite o all’ereditarietà.

Ne è emerso che gli effetti cancerogeni per vescica e reni sarebbero indipendenti dal rapporto del padre col fumo. Molto più determinanti sembrano essere i prodotti di decomposizione della nicotina, che il figlio di una fumatrice riceve quando è ancora nella pancia oppure attraverso il latte materno. Se smetti di fumare proteggi il tuo bambino anche dai rischi … ... di un parto prematuro. Un bambino su sette di una madre fumatrice nasce prematuro. Il fumo aumenta infatti del 6,7% il rischio di parto anticipato (intorno al 20%). Il 15% delle nascite premature sono riconducibili al consumo di sigarette in gravidanza; ... dalla morte fetale e dalla morte in culla. Se una donna incinta fuma più di 20 sigarette al giorno, il rischio di un distacco della placenta, con conseguente morte del feto, è doppio rispetto a quello che corrono le madri non fumatrici. Secondo le stime dell’Istituto tedesco per la ricerca sul cancro di Heidelberg circa il 25% delle morti fetali e il 20% delle morti bianche potrebbero essere evitate se le donne fumatrici riuscissero a sottrarsi alla dipendenza del fumo entro la sedicesima settimana di gestazione. Per le future mamme che eliminano le sigarette durante le prime 13 settimane il rischio di morte fetale o di morte bianca è all’incirca uguale a quello delle madri che non hanno mai fumato.

Ciò non significa comunque che il fumo nel primo trimestre di gravidanza non sia pericoloso, poiché soprattutto in queste settimane la nicotina e i molti additivi danneggiano lo sviluppo degli organi. ... dalle malformazioni. Il feto è molto più sensibile dell’adulto all’effetto nocivo del fumo di tabacco, in quanto i suoi organi stanno ancora sviluppandosi e non sono quindi maturi. Anche la disintossicazione dalle sostanze nocive è più difficoltosa, poiché nel feto i sistemi enzimatici necessari non sono ancora completamente sviluppati. Se il feto è costretto a subire il fumo passivo possono quindi manifestarsi delle malformazioni. Il rischio di labbro leporino raddoppia se una donna incinta fuma da una a dieci sigarette al giorno. ... da disturbi della crescita. La nicotina riduce il flusso sanguigno nella placenta. In questo modo i tessuti del feto vengono irrorati in maniera minore, con conseguente ritardo nella crescita e scarso aumento di peso. Lo sviluppo in altezza nei figli delle fumatrici è limitato, la circonferenza del cranio ridotta e il peso alla nascita in media 200 grammi in meno del normale. In parole povere: se una gestante fuma da una a cinque sigarette al giorno, spesso il peso alla nascita è inferiore al normale di 150 grammi; se il numero di sigarette è superiore a 20, i grammi in meno possono essere 350.

E basso peso alla nascita non significa certezza.

 

Clorinda Matarese

 

Gruppo Facebook: Da Mamma a Mamma

 

Please reload

Please reload

Il Club delle Mamme

viale R.Serra 16 20148 Milano

mariangela@h2bizness.it

 

Tel: 02 49543090

Cell: 391 3664892

By H2bizness Srl

Informativa sulla privacy - Cookie policy