STIPSI NEI BAMBINI: COSA FARE

Di solito i bambini si scaricano spontaneamente ogni 1-2 giorni. Quando questo non avviene con regolarità, si parla di stitichezza (o di stipsi). In particolare si fa riferimento a questa condizione quando il piccolo va di corpo solamente una volta ogni 3-4 giorni. Vediamo quali sono i rimedi per il bambino stitico secondo il pediatra.  

 

La stitichezza nei bambini

La stipsi è un problema molto frequente specie dal 2°-3° anno di vita, conseguente di solito a "cattive abitudini", come l’intestino "pigro", dieta povera di fibre, di liquidi, ecc., per cui però non sono necessari esami specifici. Se non si interviene, spesso la stitichezza nei bambini tende a cronicizzare (stipsi cronica): in questo caso il bambino trova difficoltà ad espellere feci dure e voluminose e spesso avverte dolore specie se si sono formate "ragadi", quindi, per paura, rifiuta di scaricarsi. 

 

Stipsi nei bambini, occhio al vasino

Spesso il problema della stipsi nei bambini si verifica quando si inizia ad utilizzare il vasino. Il momento per cominciare a togliere il pannolino al piccolo è molto variabile ed individuale. In genere non conviene anticipare troppo la seduta sul vasino, per evitare inutili attese e scarsi risultati. Infatti è il bambino stesso che fa capire quando avverte lo stimolo e quindi risulta utile attendere i 18-24 mesi di età, in alcuni casi si può anche anticipare il termine per iniziare a familiarizzare col vasino. 

 

Anche la tolleranza tra i rimedi per la stipsi

Perché impari a prendere coscienza che bisogna scaricarsi al momento opportuno e nei luoghi giusti, il bambino deve essere educato senza subire, da parte dei genitori, eccessive pressioni ed imposizioni. Fuori casa, inoltre, bisogna essere più tolleranti perché può trovare maggiori difficoltà, sentirsi meno protetto, e non essere motivato ad avvisare in caso di stimolo. Insomma anche la pazienza dei genitori rientra tra i rimedi per la stipsi.   

 

I rimedi per la stitichezza nei bambini

Tra le regole d’oro evidenziate dallo specialista, vi è quella di acquistare un vasino di plastica colorata con una forma divertente e invitare il bambino a sedersi sopra, soprattutto se riferisce che "gli scappa la pipì", ma evitando le imposizioni. Anche la posizione giusta ha la sua importanza tra i rimedi per la stitichezza nei bambini. Per riuscire a spingere, il bambino deve sedere correttamente con i piedi ben appoggiati a terra, ginocchia più alte del sederino e gambe divaricate. Se utilizza il water, è necessaria una pedana di appoggio affinché possa comunque assumere la posizione più corretta senza gambe ciondolanti. Mangiare bene è fondamentale, per questo l’alimentazione deve essere ricca di fibre: non devono mancare cereali integrali, verdura, frutta e acqua (meglio evitare i succhi). Infine stimolare i bambini a muoversi perché il movimento fa bene anche all’intestino ed è tra i rimedi per la stitichezza più utili.

 

Encopresi: di cosa si tratta?

A volte ci può essere encopresi, cioè la frequente perdita parziale di feci che sporcano le mutandine: è un disturbo che presentano i bambini estremamente stitici, quando "non ce la fanno più" a trattenere completamente le feci e per cui ne fuoriesce una certa quantità. Non esiste un'unica terapia che risolva il problema della stipsi cronica, ma esistono diversi rimedi che devono essere applicati, da soli o associati, con pazienza e costanza perché diano risultati protratti nel tempo.

 

Tratto da: Ospedale Niguarda 
 

Please reload

Please reload

Il Club delle Mamme

viale R.Serra 16 20148 Milano

mariangela@h2bizness.it

 

Tel: 02 49543090

Cell: 391 3664892

By H2bizness Srl

Informativa sulla privacy - Cookie policy