Cosa dovrebbe mangiare un bambino di un anno?

Dopo i 12 mesi, un bambino può mangiare come (ma non quanto) gli altri componenti della famiglia. Focus tratto dal nuovo manuale «Alimentazione e Salute»

 

 

Dopo i 12 mesi, un bambino può mangiare la maggior parte degli alimenti che mangiano gli altri componenti della famiglia, purché non vengano aggiunti sale o zucchero e purché la modalità con cui sono offerti al bambino (forma e consistenza) gli permettano di deglutire con facilità.


L’apporto energetico complessivo deve essere ripartito correttamente tra
i diversi macronutrienti (carboidrati, proteine, grassi). La Società Italiana di Nutrizione Umana ha preparato specifiche tabelle che riportano i Livelli di Assunzione di Riferimento di Nutrienti ed energia per la popolazione italiana (LARN). In base a queste tabelle, per i bambini di 1-3 anni l’apporto energetico dovrebbe derivare per il 50 per cento dai carboidrati, per il 40 per
cento dai grassi e per circa il 10 per cento dalle proteine. A un anno un
bambino mediamente ha bisogno di 800 chilocalorie al giorno (il fabbisogno energetico dipende da vari fattori come il ritmo di crescita del bambino, il sesso e l’attività fisica).


Non bisognerebbe forzare il bambino a mangiare: è importante che si abitui anche a riconoscere la sensazione di sazietà. Oltre ai macronutrienti la dieta deve offrire la giusta quantità di micronutrienti, specialmente di vitamine, calcio, magnesio, ferro, iodio e zinco. E non bisogna dimenticare che i bambini hanno bisogno, come e più degli adulti, di bere.

 

Tratto da Fondazione Umberto Veronesi

Please reload

Please reload

Il Club delle Mamme

viale R.Serra 16 20148 Milano

mariangela@h2bizness.it

 

Tel: 02 49543090

Cell: 391 3664892

2014 by Mango Promotion

Informativa sulla privacy - Cookie policy