Donazioni Coronavirus. Da Zegna a CNMI, la moda in prima linea

Non si fermano le iniziative e donazioni della moda contro il Coronavirus. Da Ermenegildo Zegna alla Camera Moda, tantissime aziende continuano a mettere in campo iniziative di solidarietà dedicate a chi combatte contro il virus Covid-19 .

La moda continua a rimanere in prima linea nella lotta contro alla pandemia del coronavirus. Così Ermenegildo Zegna converte la produzione in Italia e Svizzera per rispondere all’urgenza. Il gruppo realizzerà 280 mila camici protettivi destinati al personale medico e ospedaliero della regione Piemonte e del Canton Ticino. «Prendiamoci cura l’uno dell’altro. Superiamo questa emergenza insieme.», ha affermato Gildo Zegna, ceo di Ermenegildo Zegna.

Questa azione collettiva è stata possibile grazie alla collaborazione tra il gruppo Zegna, la Fondazione Zegna, la regione Piemonte e il Canton Ticino. I camici protettivi destinati al personale medico e ospedaliero sono realizzati con un tessuto non tessuto prodotto da Pratrivero spa, azienda con sede a Biella.

«Il Gruppo Zegna è estremamente orgoglioso che anche il distretto tessile di Biella e l’Unione industriale biellese abbiano prontamente risposto al nostro appello di collaborare durante questo momento così difficile. Stiamo cooperando con l’Unità di crisi della regione Piemonte e le autorità del Canton Ticino per accelerare il processo di produzione e soddisfare così le pressanti esigenze di forniture mediche di vitale importanza.», si legge in una nota della società. «L’emergenza che stiamo affrontando è un forte sollecito affinché si agisca insieme. Unendo tutte le forze».

 

La Falc S.p.A., a cui fanno capo tra l’altro i marchi Naturino e Voile Blanche (sopra un’immagine della collezione di sneakers uomo primavera estate 2020)

Ha aderito con un’importate donazione economica al fondo di solidarietà del Comune di Civitanova Marche. Creato per sostenere le famiglie che si trovano in difficoltà a causa dell’emergenza COVID-19. «La nostra è un’azienda dal respiro internazionale, ma le radici di Falc sono da sempre qui, a Civitanova Marche, dove l’azienda mantiene il cuore pulsante di ogni nostra attività. Per sostenere la nostra città abbiamo deciso di rispondere all’invito del Sindaco. E di aiutare tutti coloro che si trovano in difficoltà in questo momento» dichiara Salina Ferretti. Amministratore Delegato della Falc. L’azienda civitanovese che da sempre sostiene associazioni locali e collabora con il Comune ha voluto dare il suo contributo in un periodo così delicato per l’intera comunità.

 

Continuano i progetti di solidarietà per combattere la pandemia di coronavirus. Manebí si pone in prima linea dando un suo concreto sostegno. Per affrontare questa situazione difficile. Il marchio, fondato da Antonello Benati e Vera Drossopulo Bogdano, si unisce alla lotta al Covid-19. Con una donazione di 10 mila mascherine chirurgiche di cui saranno beneficiari l’ospedale San Giuseppe di Milano. E la Croce rossa italiana. Non solo. Il brand si impegna, inoltre, a destinare parte dei ricavati delle vendite effettuate tramite l’e-commerce ufficiale del brand manebi.com all’acquisto di ulteriori mascherine chirurgiche.

 

Cnmi-Camera nazionale della moda italiana presenta una nuova iniziativa di solidarietà nell’ambito del progetto Italia we are with you

…ideata da Camera moda fashion trust. Prende il nome di #TogetherForTomorrow e prevede una raccolta fondi che sarà destinata al supporto della nuova generazione del Made in Italy. Designer e piccole aziende del fashion. L’obiettivo è sostenere tali realtà nel fronteggiare le difficoltà generate dall’espandersi del covid-19, ponendosi in continuità con il progetto Italia we are with you lanciato nelle scorse settimane da Cnmi. Allo stesso scopo il fashion trust organizzerà nei prossimi giorni una serie di webinars destinati ai giovani designer che potranno, così, avvalersi della consulenza di esperti su varie tematiche. Questa operazione si inserisce anche nel quadro complesso di iniziative. Con cui Cnmi reagisce alla difficile situazione internazionale che stiamo attraversando. Un piano di richieste e proposte a tutela del Made in Italy è stato già presentato al Governo nelle scorse settimane.

 

«In questa situazione di emergenza più che mai emerge il ruolo di Cnmi. Cogliere le esigenze di tutti gli attori del sistema e rispondere prontamente con iniziative concrete. Ed efficaci. Il futuro non può prescindere dai giovani. Per questo Cnmi è al fianco del Cnmi fashion trust. E del suo progetto. Interamente dedicato al loro supporto. E che si colloca accanto ad altre iniziative volte a fronteggiare le difficoltà generate dal diffondersi dell’epidemia covid-19.» ha dichiarato il presidente di Cnmi, Carlo Capasa. «Mai come oggi diventa attuale il lavoro del Cnmi fashion trust. E necessario il supporto ai giovani designers. Il Made in Italy va tutelato e supportato. Ora come non mai.» Hanno affermato Umberta Gnutti Beretta e Warly Tomei, co-founders e co-chairs di Camera moda fashion trust.

 

Please reload

Please reload

Il Club delle Mamme

viale R.Serra 16 20148 Milano

mariangela@h2bizness.it

 

Tel: 02 49543090

Cell: 391 3664892

By H2bizness Srl

Informativa sulla privacy - Cookie policy