top of page

INFEZIONI NELLE STRUTTURE PER L'INFANZIA: PERCHÉ I BAMBINI SI AMMALANO COSÌ SPESSO?

Le malattie negli asili e nelle scuole non possono essere evitate completamente. In genere, fino a dieci raffreddori all’anno sono considerati normali nei bambini. Tuttavia, adottando le misure adeguate, è possibile contribuire a contenere le infezioni ed evitare uno stress aggiuntivo per tutta la famiglia.


I principali fattori di infezione nelle strutture per l’infanzia sono la vicinanza tra i bambini e la tendenza a portarsi mani e oggetti alla bocca. La situazione si aggrava in inverno, quando quasi tutte le attività si svolgono all’interno; l’aria secca riduce la resistenza delle mucose, le esalazioni si concentrano nell’aria e i giocattoli che vengono passati da un bambino all’altro fungono da mezzo di trasporto ideale per le infezioni.


Inoltre, il sistema immunitario del bambino ha ancora poche armi contro la moltitudine di virus e batteri. La buona notizia è che questo migliora con il tempo. Per lo sviluppo del sistema immunitario del bambino, lo scambio di patogeni all’asilo e a scuola vale oro. Alla nascita, infatti, i bambini sono dotati solo del sistema immunitario innato o non specifico; quello che manca è la memoria immunologica della difesa immunitaria specifica. Mentre la difesa immunitaria non specifica è presente sin dall’inizio, il sistema immunitario adattativo o specifico deve essere acquisito gradualmente. E funziona in questo modo: se si entra in contatto con un agente patogeno che ha superato la difesa non specifica, si attiva la difesa specifica. In questo caso, non solo viene analizzata l’impronta dell’intruso, ma viene anche memorizzata nella memoria immunologica. Il vantaggio è che, in caso di nuovo contatto con questo agente patogeno, l’organismo è in grado di eliminare l’intruso dannoso molto più rapidamente rispetto al primo contatto. Pertanto, il sistema immunitario impara a ogni nuovo contatto con il patogeno, il che è importante per creare una difesa specifica.


MALATTIE COMUNI ALL’ASILO NIDO

Le strutture per l’infanzia sono un vero paradiso per batteri e virus. Oltre ai più inoffensivi raffreddori, i bambini condividono anche malattie altamente contagiose. Tra le malattie più comuni ci sono:

Malattie respiratorie: tosse, mal di gola e raffreddori sono i segni tipici di una malattia respiratoria. Anche i coronavirus e il Covid-19 rientrano in questa categoria.

Congiuntivite: occhi arrossati, frequente sfregamento degli occhi e gonfiore dei bordi delle palpebre possono indicare una congiuntivite. Inoltre, le palpebre di solito sono appiccicose al mattino e il bambino si lamenta di bruciore, prurito e/o lacrimazione.

Infezioni gastrointestinali: se si verificano diarrea, nausea e vomito, di solito si tratta di infezioni gastrointestinali classiche.

Virus mani, piedi e bocca: questa malattia altamente contagiosa causata da un virus, di solito inizia con febbre, perdita di appetito e mal di gola. È caratterizzata anche da piccole macchie rosse sulla lingua e sulle gengive, che diventano vesciche dolorose man mano che la malattia progredisce. Successivamente compaiono i sintomi che danno il nome alla malattia: macchie rosse sulle palme delle mani e sulla pianta dei piedi.

Scarlattina: questa malattia infantile è causata da un batterio. I sintomi includono mal di testa, mal di gola, brividi e febbre che aumenta rapidamente. La scarlattina è caratterizzata da una “lingua lampone”. Anche se all’inizio la lingua è coperta di bianco, l’aspetto cambia dopo alcuni giorni e può essere osservato un arrossamento di colore lampone. Compare anche un’eruzione cutanea che non prude e che può interessare tutto il corpo, iniziando da ascelle, petto e inguine.

PER EVITARE LA DIFFUSIONE DELLE MALATTIE:

1.SEGNALAZIONE

i bambini con sintomi evidenti (ad esempio, febbre) non possono frequentare la struttura; i genitori dei bambini malati sono anche tenuti a segnalare determinate malattie. Tra le malattie a notifica obbligatoria ci sono scarlattina, varicella e infezioni da meningococco.


2.DIETA SANA ED EQUILIBRATA

Una dieta sana ed equilibrata è un requisito fondamentale per la salute e le prestazioni della vita di tutti i giorni, sia per gli adulti che per i bambini. La frutta e la verdura in particolare contengono molte vitamine e minerali importanti, pertanto sia gli adulti che i bambini dovrebbero consumarne 5 porzioni al giorno, divise in due porzioni di frutta e tre di verdura. Poiché le porzioni per i bambini e gli adulti sono inevitabilmente diverse, la dimensione della rispettiva mano è determinante: una porzione corrisponde a un pugno.


3.ASSICURATI DI AVERE UN ADEGUATO APPORTO DI VITAMINA D

La vitamina D svolge un ruolo importante per il sistema immunitario, contribuendo al suo normale funzionamento. Non è possibile ottenere un apporto sufficiente di vitamina D soltanto attraverso l’alimentazione, pertanto ai bambini viene prescritta vitamina D fin dalla prima infanzia.


Questa è una misura importante per prevenire il rachitismo, una malattia ossea. Diversi studi dimostrano che la carenza di vitamina D è rilevante anche nei bambini più grandi e negli adolescenti.

Il problema è che la vitamina D può essere ottenuta in quantità significative solo da alcuni alimenti. Questa vitamina liposolubile viene sintetizzata principalmente attraverso l’esposizione della pelle al sole. Tuttavia, il sole rappresenta anche un pericolo per i bambini in età prescolare. Le radiazioni UV, infatti, possono causare non solo scottature e danni agli occhi, ma anche predisporre al cancro della pelle in età avanzata. La protezione solare è obbligatoria, ma questa interferisce con l’assorbimento della vitamina D. Inoltre, i mesi con poco sole in autunno e inverno, ne complicano l’assorbimento È importante parlare con il pediatra per valutare se è consigliabile integrare la vitamina D per tuo figlio/a e, in caso affermativo, in quale dose.


4.LAVARSI REGOLARMENTE LE MANI

Molte malattie infettive si trasmettono attraverso le mani, pertanto lavarsi le mani correttamente e regolarmente aiuta a ridurre il rischio di infezione. Attenzione: lavarsi le mani più di 10 volte al giorno non promette vantaggi significativi rispetto a una frequenza da 5 a 10 volte al giorno. Quando tuo figlio torna a casa dall’asilo o da scuola, la prima tappa dovrebbe essere il lavandino.


5.SUFFICIENTE SONNO

Il corpo umano si rigenera durante il sonno e questo influisce anche sul sistema immunitario. Se al corpo manca il sonno, le funzioni delle cellule T del sistema immunitario adattativo vengono ridotte. Queste sono cellule bianche che cercano ed eliminano le cellule infette. In effetti, dormire bene aiuta il sistema immunitario a svolgere al meglio i suoi compiti. La quantità di sonno necessaria dipende dall’età. Queste sono le indicazioni per i bambini in età prescolare e scolare:

• I bambini da uno a due anni dovrebbero dormire tra le 11 e le 14 ore

• È ideale che i bambini dai tre ai cinque anni dormano tra le 10 e le 13 ore

• I bambini dai sei ai dodici anni dovrebbero dormire tra le 9 e le 12 ore


6.BERE ABBASTANZA E REGOLARMENTE

La secchezza delle mucose gioca a favore degli agenti patogeni. Pertanto, assicurati che la tua famiglia beva abbastanza liquidi a intervalli regolari, particolarmente in inverno, quando l’aria secca del riscaldamento secca le mucose. L’acqua è la bevanda ideale.

Quanto dovrebbero bere i bambini? Le esigenze specifiche di liquidi dipendono da vari fattori. Tra questi, età, clima e attività svolta giocano un ruolo decisivo. Le seguenti informazioni possono essere usate come guida.

• I bambini di età superiore a un anno dovrebbero bere circa 600 ml al giorno

• I bambini dai quattro ai dieci anni soddisfano le loro esigenze giornaliere di liquidi con un litro

コメント


bottom of page