Pid Buster Milano per il trattamento dei pidocchi

Ricomincia la scuola (finalmente, diranno molti di voi) e con essa ricomincia anche l’incubo pidocchi. In realtà l’incubo non si è mai fermato veramente, come sapete infatti non c’è più stagionalità per questo problema. Un tempo la pediculosi era diffusa soprattutto d’estate, con l’ innalzamento delle temperature, ma orami non c’è più distinzione e ci troviamo a combattere con loro praticamente tutto l’anno. Questo sia perché non esiste più un vero e proprio inverno rigido, sia perché questi parassiti nel tempo si sono evoluti e sono diventati più resistenti.

Mai come quest’anno i pidocchi hanno dimostrato la loro forza, infatti nemmeno in quarantena sono spariti. Io personalmente nel mio centro Pid Buster di Milano per il trattamento dei pidocchi, ho avuto chiamate anche durante il lockdown di mamme disperate che chiedevano aiuto, a tal punto da dover creare una lista d’attesa per i trattamenti da organizzare non appena sarebbe stata prevista la riapertura dell’attività post covid.

Detto questo, però, va da sè che con il rientro a scuola i bambini hanno più possibilità di contatto con altri bimbi. Nelle comunità, come si sa, la possibilità di contagio aumentano a dismisura.

I bambini stanno insieme, giocano insieme, leggono insieme e hanno continui contatti testa-testa. Il contagio a scuola può avvenire in mille modi, anche semplicemente quando il bambino appende la sua giacca sull’attaccapanni vicino a quelle dei compagni. Il contatto con una giacca utilizzata da un bambino contagiato è , infatti, veicolo di infestazione.

Quello che dico sempre alle mamme che vengono nel mio studio è che non possiamo fare niente per evitare le infestazioni: i pidocchi ci sono e ci saranno sempre. Ma possiamo sicuramente avere piccole attenzioni per diminuire quanto meno le i numeri di contagi annuali o per ridurre la probabilità di contagio.

Ad esempio è buona abitudine tenere sempre i capelli legati in classe e, in caso di contagio, avvisare immediatamente la rappresentante cosi che gli altri genitori possano subito intervenire. Inoltre consiglio sempre, in caso ci fosse il dubbio di un contagio in corso, di venire da noi anche solo per un controllo. Non dimentichiamoci mai infatti che la diagnosi tempestiva della pediculosi aiuta ad interrompere il ciclo vitale e a far si che non si diffondi l’infestazione in tutta la famiglia.

ARTICOLO TRATTO DA MAMMAMAG

Scarica l'ultimo numero gratis:

https://www.clubdellemamme.com/mammamag-ultimonumero