Piccoli Chef con Granarolo

Sabato 28 Novembre abbiamo inaugurato la Fabbrica dei Piccoli Chef 2.0 con un ospite d’eccezione: Gruppo Granarolo. Le nostre mamme e i nostri bambini hanno scoperto grazie a Sonia, la loro bravissima esperta, tutti i segreti sulla conservazione dei cibi al fine di evitare inutili sprechi tanto dannosi per l’economia e l’ambiente.

Seguendo i preziosi consigli di Sonia abbiamo disegnato un frigorifero su un cartoncino e ci siamo divertititi a colorare e posizionare in maniera corretta i diversi alimenti. Abbiamo imparato che all’interno del frigo gli alimenti non dovrebbero essere riposti in maniera casuale, per esempio nei ripiani più bassi (dove è più freddo) dobbiamo mettere le verdure, in quelli centrali carne e pesce, mentre in quelli più alti latticini e uova.

Lo schemino “sistema-frigo” è ben posizionato sulla porta del nostro frigorifero, ora tutti noi quando sistemiamo la spesa seguiamo leindicazioni e devo dire che, con semplici regole, i prodotti si mantengono molto meglio.

Parlando di conservazione dei cibi abbiamo visto come a volte i cibi siano la causa del cattivo odore del frigo. Come risolvere il problema? Nulla di più semplice: abbiamo realizzato un maialino mangia odore partendo da una patata sbucciata e da un pugno di sale.

Ovviamente la patata è stata abbellita e decorata a dovere grazie a semplici oggetti facilmente reperibili in casa come il tappo di una bottiglia, alcuni chiudi sacchetti, cucchiaini di plastica, fusilli e stuzzicadenti). Il nostro maialino mangia-odore aveva un’espressione veramente simpatica e l’abbiamo ribattezzato MR POTATOE.

Devo dire che, oltre a essere un lavoretto super simpatico, è anche molto utile. L’abbiamo posizionato in frigo e si è “mangiato” tutti i cattivi odori, dopo pochi giorni con grande sorpresa dei miei 3 nani era diventato tutta nera e dei cattivi odori non era rimasta nessuna traccia.

Last but not least: dalla panna al burro! In un paio di minuti abbiamo trasformato la panna in un burro freschissimo e leggero che abbiamo utilizzato per la merenda. Abbiamo imparato due metodi per fare il burro: quello più tradizionale con le fruste elettriche oppure attraverso una bottiglia con all’interno un paio di monete (sterilizzate ovviamente). I miei nani erano estasiati da questa inaspettata trasformazione avvenuta sotto i loro occhi 

Insomma, laboratorio molto divertente ed educativo sia per i bimbi che per noi adulti. Abbiamo scoperto tante curiosità e soprattutto abbiamo imparato quanto sia semplice modificare alcuni dei nostri comportamenti per diventare consumatori più attenti e consapevoli.

Vi siete persi il nostro laboratorio?

Niente paura, sul sito https://www.gruppogranarolo.it/percorsi-didattici/inventa/missione-cibo potete trovare tanti progetti didattici da realizzare anche a casa con i vostri bimbi.