BACCALA' IN TEGLIA

Dal Molise un secondo che incorona il pesce al forno. Per un pieno di acidi grassi insaturi buoni per il cuore!

INGREDIENTI PER 4 PERSONE:

  • 50 g di uvetta

  • 700 g di baccalà già ammollato

  • 200 g di mollica di pane integrale

  • 2 peperoni sottaceto

  • 80 g di pinoli

  • 5 foglie di alloro

  • 2 rametti di aneto

  • olio evo

PREPARAZIONE

Fate ammollare l’uvetta in poca acqua tiepida per una ventina di minuti. Nel frattempo, tagliate il baccalà ricavando tanti pezzi lunghi 4 centimetri, che laverete e asciugherete con cura; sbriciolate la mollica di pane; sciacquate e riducete i peperoni a pezzettini; strizzate l’uvetta.

Ponete ora la mollica in una ciotola e mescolatela con 1 cucchiaio d’olio, i pinoli, i peperoni, una foglia di alloro, l’aneto e l’uvetta. Lasciate riposare il composto.

Disponete le rimanenti 4 foglie di alloro sul fondo di una pirofila leggermente oliata, posizionate sopra i pezzi di baccalà e conditeli con un filo d’olio. Cospargete con il composto messo da parte, un altro giro d’olio e infornate a 180 gradi per 30 minuti.

Quando mancheranno 5 minuti alla fine della cottura, coprite la pirofila con un foglio di carta stagnola, così il pesce rimarrà morbido.

Cuocere il pesce in forno è il modo migliore per preservare i grassi insaturi, ma non solo: richiedendo meno condimento di altri tipi di cotture (sto pensando per esempio a quella in padella), permette di portare in tavola cibi più light e di esaltarne al massimo il gusto.

Fonte:Fondazione Veronesi

Tag: